VAI OLTRE OGNI LIMITE CON LA CONSERVAZIONE

Juan & Ocean

Beyond prejudice

Per la maggior parte delle persone, "nuotare con gli squali" è sinonimo di pericolo. Per Ocean Ramsey e Juan Oliphant, invece, è il lavoro che praticano con passione ogni giorno da tantissimi anni. Grazie a formazione, straordinari scatti e tour di immersioni che non prevedono l'uso di gabbie, riescono a far avvicinare esseri umani e squali per poter ammirare i nostri amici superpredatori senza filtri e pregiudizi, prima che scompaiano tra le acque blu dell'oceano.

OCEAN RAMSEY

TEDx Talks: L'importanza degli squali per l'uomo

In tutto il mondo gli squali hanno la fama di spietati assassini. E a causa della persecuzione dell'uomo sono a rischio d'estinzione. Ocean Ramsey spiega perché queste creature giocano un ruolo fondamentale nell'ecosistema marino e invita tutti noi ad aiutare per salvarli, anche per il nostro bene.

Beyond barriers

Immersione in apnea senza l'uso di gabbie e attrezzatura pesante: è così che entrano a stretto contatto con animali e natura. Vivere e condividere questa interazione diretta rappresenta il primo passo per valorizzare e proteggere l'oceano e tutti i suoi abitanti.

Segui le avventure di Ocean su Facebook, Twitter e Instagram!

La mission

Cosa faresti se i tuoi migliori amici fossero in pericolo? Faresti tutto il possibile per difenderli, spargeresti la voce e uniresti le forze per proteggerli.

Ocean Ramsey affronta questa sfida ogni giorno, ma con una differenza che non ti aspetti. Per Ocean, i suoi migliori amici sono gli squali. Sì, proprio loro, i predatori marini dalle grandi fauci. Biologa marina e campionessa di immersione in apnea, Ocean è attratta dagli squali da sempre. E adesso che gli squali sono in pericolo, dedica la maggior parte del suo tempo a insegnare alle persone ad andare oltre i pregiudizi e a vedere queste creature per ciò che sono davvero: esseri eleganti e intelligenti che esistono da molto prima dei dinosauri. Gli squali svolgono un ruolo fondamentale nel nostro ecosistema e Ocean è decisa a trasmettere questo messaggio.

Juan Oliphant

"Possiamo coesistere, ma perché sia possibile, loro devono esistere".

Ma perché proprio gli squali? Non sono feroci e avidi di sangue? Nonostante quello che film come Lo squalo ci hanno fatto credere, gli squali non rappresentano una vera minaccia per l'uomo. Gli attacchi degli squali causano solo tra le 5 e le 7 vittime l'anno. In tal senso, le formiche rappresentano un pericolo ben maggiore (causando 30 morti l'anno). La vera funzione degli squali è, invece, quella di fare da sistema immunitario dell'oceano. Eliminano gli animali deboli e morenti, lasciando gli esemplari sani liberi di riprodursi e di rafforzare la propria specie.

In un mondo in cui le popolazioni di squali sono in via di estinzione, è possibile osservare dei cambiamenti in ogni anello della catena alimentare oceanica. Un numero minore di squali significa un numero maggiore di piccoli predatori, quindi una presenza inferiore di pesci erbivori e una crescita incontrollata delle alghe, mettendo le barriere coralline in serio pericolo. Tutto questo influisce negativamente su qualsiasi cosa, perfino sull'aria che respiriamo. I cambiamenti possono essere avvertiti anche a livello umano: la diminuzione delle popolazioni di squali ha ripercussioni economiche in diversi settori, dalla pesca al turismo.

"Si stima che, ogni anno, vengano uccisi tra i 70 e i 100 milioni di squali e che fino a un terzo delle specie di squali è in pericolo o a rischio di estinzione".

È quindi evidente che gli squali hanno bisogno del nostro aiuto. Ma cosa li minaccia esattamente? In qualità di superpredatori, un ruolo che hanno in comune con specie più amate come leoni e orsi, non hanno nemici naturali. Quindi la risposta è semplice: chi li minaccia è l'uomo. Si stima che ogni anno vengano uccisi tra i 70 e i 100 milioni di squali e che fino a un terzo delle specie di squali è in pericolo o a rischio di estinzione. Devono difendersi da tornei di pesca, palangari ed eliminazione selettiva. Purtroppo, però, la loro più grande minaccia, nonché la più frivola, è la zuppa di pinne di squalo.

Considerata simbolo di ricchezza e benessere, la zuppa di pinne di squalo è un piatto prelibato della tradizione culinaria di Cina e Vietnam. Per ironia della sorte, la pinna di squalo non contiene particolari qualità nutrizionali e non apporta al piatto nulla di più che la sua consistenza, eppure questa moda causa ogni anno la morte di quasi 73 milioni di squali. Anche se questo numero è diminuito da quando si è iniziata a spargere la voce sull'impatto ambientale provocato dalla pesca allo squalo, c'è ancora molto da fare.

Shot by Juan Oliphant: Ocean Ramsey diving with sharks.

In alcuni paesi, come Israele, le Bahamas e Palau, è stata vietata la caccia allo squalo e si sono già visti i primi risultati. Questi paesi hanno visto aumentare le loro risorse ittiche e le barriere coralline, oltre all' aumento dell'ecoturismo. E questa tendenza non potrà che migliorare. Come la stessa Ocean sostiene, "uno squalo vivo vale di più di uno squalo morto". Ma c'è ancora parecchio lavoro da fare.

Ocean ha dedicato la sua vita allo studio delle popolazioni di squali e a impegnarsi affinché la normativa venga modificata. Tuttavia, la questione fondamentale è sempre stata come diffondere la consapevolezza tra il grande pubblico. Indipendentemente da quanta attività di ricerca faccia o da quali cambiamenti legislativi sia riuscita a favorire, le persone continuano a percepire gli squali come animali spaventosi assetati di sangue.

Cosa fare allora? I migliori amici di Ocean erano in pericolo, con pochissime probabilità a loro favore. Doveva trovare un modo per capovolgere l'opinione pubblica. Così ha iniziato a navigare in Internet e si è imbattuta nei meravigliosi scatti del fotografo marino Juan Oliphant, grazie ai quali ha capito che le immagini e la condivisione di esperienze sono la chiave per andare oltre i preconcetti del pubblico.

Ispirata da questo nuovo approccio, Ocean ha deciso di provare a influenzare su larga scala l'opinione pubblica sugli squali. Ha ampliato la sua ricerca e ha invitato i subacquei a contribuire con informazioni o foto di squali incontrati in mare aperto. Questi elementi sono serviti ad alimentare una banca dati sugli squali che si arricchisce continuamente, che aiuta nel seguire i loro flussi migratori e registrare il loro numero nelle zone in cui vivono.

Ocean ramsey swimming with sharks.

Ocean ha collaborato con Juan per creare contenuti sul suo lavoro da condividere sui social network. La prima creazione, un video rivelatore di lei in immersione accanto a un grande squalo bianco, ha raccolto più di 5 milioni di visualizzazioni. Questo ha catturato immediatamente l'attenzione della stampa, che le ha richiesto delle interviste, e ha portato alla creazione di una nuova piattaforma in cui Ocean difende la sua causa. È così riuscita a portare la sua esperienza subacquea direttamente all'attenzione del pubblico grazie alla fondazione di One Ocean Diving, dove, insieme a Juan, permette alla gente di immergersi con gli squali.

One Ocean propone un rituale di visita piuttosto semplice: i clienti ascoltano la lezione di un biologo marino sul comportamento degli squali, vengono accompagnati in barca fino al loro habitat e vengono fatti immergere in acqua per godersi un'esperienza di immersione tra gli squali senza gabbia. Generalmente trascorrono tra i 45 e i 90 minuti in acqua, vivendo un'esperienza faccia a faccia con gli squali.

"Un lato pacifico di queste magnifiche creature del tutto nuovo, che è stato erroneamente dipinto dai mezzi di comunicazione".

I risultati sono stati estremamente positivi. L'analisi delle recensioni su Yelp di One Ocean dimostrano un gran entusiasmo per quest'esperienza, dove si legge che l'immersione fa emergere "un lato pacifico di queste magnifiche creature del tutto nuovo, che è stato erroneamente dipinto dai mezzi di comunicazione". Inoltre, aspetto più importante, ogni persona che ha vissuto una grande esperienza durante l'immersione diventa un nuovo ambasciatore nel mondo, che aiuta a liberarci dal pregiudizio sugli squali e che spiega il ruolo positivo che ricoprono nel pianeta.

Ocean non vuole che le persone abbiano paura degli squali. Sono creature straordinarie e imponenti, che meritano rispetto e protezione. Come lei stessa dice, "possiamo coesistere, ma perché sia possibile, loro devono esistere". Ocean sta lavorando per creare un mondo in cui le persone vadano oltre i pregiudizi e agiscano per cambiare le cose, un obiettivo a cui noi tutti dovremmo aspirare rimanendo al suo fianco.

Segui le avventure di Ocean su Facebook, Twitter e Instagram!